SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

Dormire sul fianco sinistro: ecco perché dovreste

Dormire sul lato sinistro

Ognuno di noi ha un lato del corpo preferito su cui dormire, ci avete mai fatto caso? Oggi siamo qui per parlarvi dei benefici di dormire sul fianco sinistro, una posizione estremamente corretta per un sonno veramente riposante e rigenerante.

Non è solo questione di dormire bene. Dormire sul lato sinistro ha notevoli benefici per la salute: secondo quanto sostenuto dall’Ayurveda, la medicina tradizionale indiana, il lato sinistro del corpo è totalmente diverso dal lato destro e adottare (o conservare) l’abitudine di dormire dalla parte sinistra ha conseguenze positive sia sulla salute che sulla longevità.

Perchè dormire sul fianco sinistro del corpo: cosa dice l’Ayurveda.

Secondo l’antica medicina indiana, l’Ayurveda, avere l’abitudine di dormire sul lato sinistro del corpo avrebbe notevoli vantaggi. Vediamoli insieme:

  • facilita il drenaggio linfatico, ovvero l’eliminazione delle tossine che avviene più facilmente e più efficaciemente quando il sistema lifnatico è sollecitato sul lato sinistro del corpo. Disintossicare il nostro organismo è un’attività fondamentale e coricarsi verso sinistra migliora il suo funzionamento;
  • la milza lavora meglio. Posizionata sul lato sinistro, la milza è l’organo deputato al filtraggio del sangue, perciò se sdraiati sul fianco sinistro il lavoro della milza è facilitato dalla semplice forza di gravità;
  • migliora la digestione. Dormire sulla parte sinistra del corpo favorisce il passaggio degli scarti della digestione attraverso l’intestino in direzione del colon discendente. Inoltre ancora prima del sonno vero e proprio, la medicina ayurvedica consiglia di sdraiarsi sul fianco sinistro per circa 10 minuti dopo i pasti: questa pratica aiuterebbe il corpo a digerire, soprattutto stomaco e pancreas ne beneficierebbero;
  • attenua in generale molti disturbi. Aiuta a prevenire i bruciori di stomaco, chi solitamente russa respira meglio se sdraiato sul fianco sinistro, i dolori al collo e alla schiena diminuiscono.

Va da sè che la qualità di un buon sonno dipende notevolmente anche dalla scelta del cuscino più adatto e del materasso giusto, acquisti tutt’altro che banali.

Ne abbiamo parlato qui:

Come scegliere il materasso

Cuscino: come scegliere il migliore

 

E in gravidanza? Meglio dormire sul fianco sinistro.

Anche per le donne in gravidanza sarebbe preferibile dormire sul fianco sinistro del corpo in quanto

  • migliora la circolazione;
  • l’utero sembra non fare troppa pressione sul fegato;
  • migliora il fluire del sangue verso utero e reni;
  • dà un notevole sollievo alla schiena che in gravidanza si affatica ed è spesso dolorante.

Quindi anche in gravidanza attenzione alla qualità del proprio sonno, ad iniziare dalla posizione assunta per dormire: meglio il lato sinistro.

E se preferite dormire sul fianco destro?

Niente paura: anche chi preferisce dormire sul lato destro del corpo ottiene benefici, soprattutto in corrispondenza di alcune particolari condizioni di salute.

Ad esempio a coloro che soffrono di disturbi cardiaci il medico potrebbe prescrivere di dormire sul lato destro perché aiuterebbe a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione del sangue, mentre sul lato sinistro si potrebbero avere effetti negativi sull’attività del sistema nervoso simpatico responsabile della regolazione del battito cardiaco e della pressione.

Quindi, lato sinistro o lato destro?

In base a quanto riportato, tendiamo a consigliarvi di dormire sul fianco sinistro. Tuttavia sappiamo bene che il riposo e il sonno sono momenti personali per cui ognuno di noi sceglierà la posizione in cui dormire a seconda delle proprie condizioni di salute, preferenze, in base al cuscino e al materasso che si utilizzano. Se state vivendo un periodo particolare, ad esempio durante la gravidanza o in convalescenza dopo un infarto, vi raccomandiamo di seguire sempre i consigli di un esperto e/o un medico competente riguardo alla posizione migliore da mantenere durante il sonno.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche: